font-death-star

Traduci l'articolo

Windows 10 KB4532693 - Come Come risolvere i problemi dell’aggiornamento


Ritorniamo a parlare di windows 10 , nell’ultimo update sono stati risolti molti problemi mentre ne ha creati altri. 


L’aggiornamento che ha creato problemi è  il KB4532693, rilasciato un paio di giorni fa all’interno dell’aggiornamento di sicurezza cumulativo di febbraio. Si tratta di un aggiornamento altamente consigliato da Microsoft, perché risolve ben 99 problemi di sicurezza, 12 dei quali ritenuti “critici“. Ma, come ormai è prassi, mentre risolve qualcosa questo aggiornamento rompe qualcos’altro. Gli utenti si sono riversati sul forum di Microsoft e su Reddit per segnalare diverse anomalie, due delle quali sembrano essere più frequenti. Per fortuna è stato già scoperto dove sta l’errore e, anche se Microsoft non lo ha ancora risolto, è possibile sistemare tutto da soli. 

Il problema dell’ultimo aggiornamento Windows 10 Quasi tutte le segnalazioni successive all’installazione dell’aggiornamento KB4532693 parlano di un desktop azzerato, come se fosse tornato a quello dell’installazione base di Windows 10 e senza tutte le icone che gli utenti vi hanno piazzato nel tempo e con lo sfondo di default, e di account utente che vengono caricati come profili temporanei. Se l’utente disinstalla l’aggiornamento, però, tutto torna come prima. Come al solito “Microsoft non è al corrente di alcun problema con questo update“. 

Come risolvere i problemi dell’aggiornamento Windows 10 Disinstallare l’update KB4532693 non è la scelta migliore da fare, se questo aggiornamento ha causato i problemi appena descritti. Per due motivi: il primo è che l’aggiornamento protegge il nostro PC da rischi di attacco hacker molto elevati, il secondo è che si può rimettere tutto a posto, anche se la procedura non è semplicissima. Alla base dei problemi del KB4532693, infatti, c’è un banale errore dell’installer che non rinomina la cartella temporanea usata durante l’installazione. Gli utenti che stanno sperimentando questi problemi, quindi, devono aprire Esplora File e andare al percorso c:\Utenti. Dentro troveranno una cartella per ogni utente del sistema operativo e, se vedono un profilo con un nome che finisce con “.000” o con “.bak” hanno trovato il problema. Molto spesso basta rinominare il profilo togliendo questa estensione e riavviare il PC per tornare a usare il proprio profilo come prima. A volta non è neanche necessario farlo: basta riavviare qualche volta la macchina e il sistema operativo si accorge dell’errore e lo corregge. In ogni caso la buona notizia è che nessun file viene realmente cancellato.

Posta un commento

0 Commenti