Significato Border Gateway Protocol BGP - Glossario Informatico Per Internet

Il protocollo BGP, Border Gateway Protocol è un protocollo di routing dinamico usato per connettere tra loro più router che appartengono a “sistemi autonomi” (AS) diversi. 

Glossario


È quindi un protocollo di routing inter-AS, classificato come protocollo di “Exterior Gateway”, ovvero utilizzato per inviare le proprie route a organizzazioni esterne (e per ricevere le route di organizzazioni esterne).

 Differisce in questo dai protocolli di “Interior Gateway”, utilizzati per lo scambio di rotte all'interno della stessa organizzazione. (esempio: RIPv2, OSPF, …) Il BGP è il protocollo di routing per antonomasia, sul quale è basato il funzionamento di internet. Esso funziona attraverso la gestione di una tabella di prefissi (reti IP), che forniscono informazioni sulla raggiungibilità delle diverse reti tra più sistemi autonomi. Si tratta di un protocollo a indicazione di percorso (path vector) che non usa metriche di carattere tecnico (ad esempio non considera le ampiezze di banda) ma prende le decisioni di instradamento basandosi su specifiche politiche. 





La motivazione che spinge un'organizzazione all'utilizzo del protocollo BGP per scambiare le proprie route in internet è la necessità di avere una rete multihomed. Per rete multihomed si intende una rete che acquista transito internet da più provider di livello superiore (o anche più link con lo stesso provider) e che deve garantire la raggiungibilità dall'esterno dei propri servizi, tramite un set di indirizzi IP pubblici. 

Infatti, in una situazione standard senza l'uso del protocollo BGP, ogni link verso internet sarà dotato della sua classe di indirizzamento IP, non condivisibile con altri link. Risulta evidente quindi che pubblicando un servizio (esempio: sito web) sull'indirizzo IP raggiungibile direttamente dallo specifico link, alla caduta del link stesso quel servizio risulterà irraggiungibile dalle altre reti.

Posta un commento

0 Commenti