Storyline - Ecco come saranno le Storie di Spotify - Tecnolovez

mercoledì 15 maggio 2019

Storyline - Ecco come saranno le Storie di Spotify

Il servizio di streaming musicale svedese si prepara a portare i contenuti effimeri anche sulla sua piattaforma. dopo Snapchat, Instagram, Facebook e WhatsApp, quindi, anche il famoso servizio di streaming musicale cede alla tendenza di mercato che vede le Storie come il must have del momento. 

Ma lo fa in maniera molto specifica e, questa volta, potrebbe non trattarsi di mera imitazione ma di una funzionalità effettivamente utile, sia per gli artisti che per i loro fan. Le Storyline di Spotify, infatti, non saranno contenuti generati dagli utenti ma dagli artisti che pubblicano la propria musica su questa piattaforma. Servirà per raccontare curiosità o per fornire informazioni aggiuntive sui brani e, infatti, verranno visualizzate proprio sotto il player e saranno legate alla singola traccia. Saranno disponibili solo sulle app per iOS e Android e non anche su Spotify Desktop. Non è noto, invece, quando verranno rese disponibili in tutto il mondo: al momento gli artisti possono creare le loro Storie solo negli USA e in pochi altri mercati, ma a partire dalla versione versione v8.5.5.853 dovrebbero essere disponibili per tutti. Come sono le Storyline di Spotify Esteticamente le Storyline sono molto simili alle normali Stories viste sui vari social: una serie di schede in cui l’artista può inserire immagini e/o brevi testi. In alto c’è una linea segmentata che ci fa capire da quante schede è composta la Storyline e noi possiamo fare swipe tra una scheda e l’altra.
Per accedere alla Storyline di una traccia dovremo sollevare la scheda “Behind the Lyrics“, in fondo all’interfaccia utente di Spotify. Come usare le Storyline per aumentare l’engagement Mentre sui vari social le Stories sono UGC (User Generated Content, contenuti creati dagli utenti), su Spotify potranno essere create solo dagli artisti. Questo le rende uno strumento in più per aumentare il coinvolgimento dei propri fan e creare un canale di comunicazione in più con loro. Sarà infatti possibile usare le Storyline per raccontare come è nato un brano, per fornire ai fan qualche dettaglio in più, per condividere foto d’artista o ulteriori concetti più o meno coerenti con il brano. Alcuni artisti, ad esempio, stanno già usando le Storyline per condividere il proprio pensiero già espresso durante una intervista. Ogni traccia, quindi, grazie alla storia collegata può diventare un po’ più multimediale e, di conseguenza, un contenuto più ricco da offrire a chi ci segue.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad