font-the-27-club


Truffe assicurazioni online - Oscurati siti web che vendevano false polizze assicurative per auto, ciclomotori, barche e abitazioni

Ritorniamo a parlare di sicurezza online , negli ultimi giorni c'è stato un’imponente operazione del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza coadiuvato dall’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni (IVASS) ha portato alla chiusura di 222 siti web che vendevano a prezzi scontatissimi false polizze assicurative per auto e ciclomotori.



L’inchiesta è stata portata avanti dalla Procura di Milano che ha individuato ben 74 persone coinvolte nella truffa assicurativa. I malviventi avevano messo in piedi un sistema criminale piuttosto complesso che sfruttava le debolezze informatiche degli utenti. 

La truffa si basava su campagne phishing che portavano gli utenti a visitare dei finti siti che somigliavano in tutto e per tutto a quelli delle compagnie assicurative più importanti in Italia. Il phishing è una truffa informatica che viene effettuata tramite e-mail: utilizzando degli indirizzi di posta elettronica che sembrano essere quelli ufficiali delle banche o della Posta, si convincono gli utenti a fornire i propri dati personali oppure ad acquistare prodotti falsi. Riconoscere una campagna phishing non è molto complicato, ma è necessario avere delle basi di informatica che in Italia non tutti hanno. 

Come funzionava la truffa delle polizze assicurative Attratti da prezzi vantaggiosissimi, gli utenti accedevano a siti che vendevano false polizze assicurative. Il sistema dei malviventi si basava su portali web identici a quelli delle compagnie assicurative più note e su un numero RUI contraffatto. Il numero RUI (Registro Unico degli Intermediari assicurativi) identifica ogni operatore che lavora nel comparto assicurativo. Gli utenti scoprivano la truffa solamente nel momento in cui venivano fermati per un controllo dalla Polizia oppure se subivano un danno all’auto. 

Come difendersi dalle truffe online L’operazione della Guardia di Finanza ha permesso di far luce su una delle tantissime truffe online che ogni giorno colpiscono centinaia di utenti. I malviventi si sono specializzati nel realizzare truffe sempre più ingegnose e difficili da scoprire, soprattutto per un utente medio. Ecco alcuni consigli da seguire per non cadere nelle trappole dei truffatori online: Controllare la URL del sito Web. Nessuna compagnia assicurativa può promettere sconti superiori all’80-90%. Quando scovate online un sito web che vi promette sconti sensazionali, controllate sempre la URL. I truffatori sono molto abili nel creare dei siti web identici a quelli di compagnie assicurative famose, ma che nella URL differiscono per una sola lettera. Controllare il mittente delle e-mail. Altra pratica molto diffusa tra i malviventi è inviare e-mail fingendosi istituti bancari o la Posta e chiedendo agli utenti le credenziali del sito di home banking. Diffidate sempre da questo tipo di email: la banca non chiede ai propri utenti di inviare le credenziali tramite un messaggio di posta elettronica.

 Fonte tecnologia.libero.it

Posta un commento

0 Commenti