Ritorniamo a parlare di carte prepagate , oggi vogliamo segnalarvi la Postepay Evolution di poste italiane una carta dotata di codice che quindi è abilitata alla ricezione di bonifici per transazioni che abbiano origine in uno dei paesi aderenti all’accordo interbancario SEPA

nel quale viene usato l'Euro come valuta per le transazioni, una caratteristica tecnica che conferisce alla Postepay Evolution possibilità e funzionalità che sono tipiche dei conti correnti.
Per i bonifici effettuati nell’ambito di istituti bancari e finanziari operanti in Italia è sufficiente l’indicazione del codice IBAN per ricevere pagamenti e bonifici, tuttavia per le transazioni con gli altri paesi e per i ricevere bonifici in entrata è indispensabile che sia indicato il codice BIC SWIFT.

Bonifici nazionali e SEPA

Per la ricezione di pagamenti provenienti dagli altri paesi dell’area SEPA, ovvero tutti gli altri paesi dell’area Euro oltre all’Italia, è obbligatorio inserire il codice BIC SWIFT per convalidare la transazione.

Pochi sanno, però, che si può associare un codice BIC SWIFT alla Postepay Evolution, il codice identificativo della banca si può usare anche con questa carta.Il problema che i titolari di questa carta incontrano è che la Postepay Evolution non riporta il Codice BIC SWIFT sulla carta ma vi è impresso soltanto il codice IBAN oltre al seriale della carta e agli altri codici tipici delle carte bancomat.
Il Codice in questione è lo stesso che è associato ai conti Bancoposta ed è il seguente: BPPIITRRXXX.

Codici di abilitazione e codici di controllo

Ecco svelato l’arcano, con il codice BIC SWIFT la Postepay Evolution sarà abilitata alla ricezione di bonifici dai paesi esteri aderenti al circuito SEPA. Va ricordato che la Postepay Evolution non è abilitata alla ricezione di bonifici da istituti bancari extraeuropei, questo è uno dei limiti più importanti che la differenzia operativamente da un vero conto corrente.

Ci sarà da fare attenzione a comunicare correttamente i dati relativi all’IBAN della Postepay e il codice BIC SWIFT per essere sicuri che il bonifico vada a buon fine. I tempi tecnici del bonifico richiedono dai tre ai cinque giorni normalmente.
Se si dovessero verificare dei ritardi nell’accredito del bonifico si dovrà richiedere il codice CRO della transazione a chi ha inviato il bonifico. Il numero CRO è un numero identificativo associato ad ogni bonifico e va richiesto alla banca da chi effettua il bonifico in Italia. Quindi, una volta ricevuto questo codice, sarà possibile monitorare lo stato del bonifico.
Per i bonifici relativi all’area SEPA, invece, bisognerà richiedere il TRN che è un acronimo che indica la sigla Transaction Reference Number (dall’inglese: Numero di Riferimento Transazione).
I bonifici in entrata verso la carta Postepay Evolution vengono conteggiati come una ricarica, quindi andrà riconosciuta una commissione di 1 euro a Poste Italiane per ogni bonifico ricevuto.