Le mascherine sono un business, non Ritorniamo a parlare di coronavirus, anche Xiaomi è pronta a dare il suo contributo “smart”, con il brevetto recentemente approvato dalla USTPO che descrive una mascherina resa intelligente dai vari sensori presenti. 


Nel dettaglio, sono presenti accelerometro e giroscopio per capire se la persona sia ferma o in movimento. Altri sensori provvedono poi a raccogliere dati su: tempo di utilizzo, inquinamento rilevato, volume respiratorio, numero di respiri.

Tutte le informazioni sono raccolte all’interno della mascherina (che ha una memoria) e possono essere visualizzate in tempo reale in un’applicazione per smartphone. Non ci sono ancora informazioni sulle tempistiche di un eventuale rilascio. Che dire ancora una volta Xiaomi è un passo avanti...

Post a Comment

Nuova Vecchia