font-the-27-club

Whatsapp - Fate attenzione ai video un file mp4 minaccia milione di utenti

Non aprite quel video, parola di Facebook. Che lancia l'allarme non per la più popolata piazza virtuale del globo bensì per WhatsApp, l'applicazione di messaggistica oramai parte della galassia digitale controllata da Mark Zuckerberg, colpita da un tentativo di violazione attivato tramite un file MP4 

whatsapp


Due sono le regole basilari che gli utenti (sia Android, sia possessori di iPhone) devono seguire per non incorrere in possibili pericoli. La prima mossa da fare è, appunto, evitare di aprire file e filmati (soprattutto quelli con l'estensione di MP4) provenienti da fonti sconosciute o magari da contatti inseriti in qualche gruppo su WhatsApp. La seconda mossa, obbligatoria, è aggiornare l'applicazione, come indicato da Facebook stessa.

Il caso è stato classificato dall'azienda come critico, anche se il pronto intervento sembra aver scongiurato una diffusione su larga scala. Il rischio è che qualche malintenzionato potrebbe sfruttare l'esca per installare sui dispositivi altrui un software spia per monitorare i movimenti dell'utente, a sua volta inconsapevole, oltre ad accedere a tutte le informazioni presenti nel dispositivo. Secondo quanto riportato dal sito GbHackers, specializzato nelle indagini sulle minacce ai sistemi di sicurezza di dispositivi elettronici, finora non ci sono state evidenze riguardo allo sfruttamento della vulnerabilità da parte di hacker o gruppi mossi dalla volontà di carpire informazioni sensibili sugli smartphone degli utenti.



L'attacco arriva a meno di un mese di distanza dall'ultimo, che tentò di sfruttare una falla nella sicurezza mediante l'invio di una GIF (le immagini digitali animate) replicando in sostanza il sistema di violazione. Come avvenuto anche, e per due volte, la scorsa primavera. Per quanto Facebook incrementi la struttura e la protezione dell'app - tre settimane fa WhatsApp ha citato in tribunale la società israeliana Nso con l'accusa di aver organizzato attacchi che hanno colpito circa 1.500 utenti - l'app di messaggistica continua a essere presa di mira e sempre di più lo sarà in futuro, quando arriverà su scala globale Facebook Pay, il servizio per lo scambio di denaro che consentirà di inviare soldi via Messenger, Facebook, Instagram e WhatsApp.

Posta un commento

0 Commenti