Ticker

6/recent/ticker-posts

Header Ads Widget

TECNOLOVEZ-1

Amazon - Varazione dei tempi per il reso dei prodotti - Ecco cosa cambia in Italia


Ritorniamo a parlare di amazon , l’azienda ha annunciato sul proprio blog una variazione dei tempi per fare il reso di un prodotto acquistato. Solitamente, infatti, si hanno i classici 15 giorni per rimandare indietro un prodotto rotto o non conforme alla descrizione o all’immagine. 


Ma in tempo di pandemia è complicato rispettare il limite dei 15 giorni, soprattutto a causa delle spedizioni in ritardo e del blocco della vendita da parte di Amazon dei prodotti non considerati essenziali. Per tutti questi motivi, il sito di e-commerce ha adottato una nuova politica dei resi per tutti i prodotti acquistati sull’e-commerce tra il 15 febbraio 2020 e il 30 aprile 2020: invece dei classici 15 giorni gli utenti hanno tempo fino al 31 maggio 2020 per rispedire indietro la merce comprata. Si tratta di un’altra iniziativa di Amazon per favorire gli utenti in questo periodo complicato in cui milioni di italiani sono costretti nelle loro abitazioni a causa della pandemia Covid-19. Amazon, come cambia il reso dei prodotti Per il reso dei prodotti Amazon ha deciso di andare incontro agli utenti che in questo periodo potrebbero avere dei problemi nello rispedire al mittente la merce acquistata. Cosa cambia rispetto al passato? Per tutti i prodotti acquistati dal 15 febbraio 2020 al 30 aprile 2020, il tempo di reso viene allungato fino al 31 maggio 2020. Quindi non più 15 giorni di tempo, ma almeno un mese. Non cambia, invece, la procedura da seguire: per fare il reso bisogna accedere al proprio account, selezionare l’ordine e seguire tutti i passaggi per rimandare indietro la merce.



Oltre che in Italia, le nuove regole sono valide anche per gli Stati Uniti, il Canada, la Spagna, Francia, Turchia e Olanda. Non c’è differenza se la spedizione è stata effettuata direttamente da Amazon oppure da un venditore di terze parti. 


Amazon, cosa è cambiato con il Covid – 19 

La nuova politica dei resi non è l’unica novità di questo periodo di Amazon, anzi si tratta di una conseguenza diretta della decisione presa qualche settimana fa, ossia quella di bloccare la vendita dei prodotti non ritenuti essenziali. Con l’inizio della pandemia, il sito di e-commerce ha avuto una crescita notevole degli ordini, soprattutto su talune categorie di prodotto. Per soddisfare i clienti e per rispettare all’interno dei magazzini le norme di sicurezza entrate in vigore con i vari decreti governativi, Amazon ha preferito aprire un canale preferenziale ad alcuni beni ritenuti essenziali. 

Quali sono? cibo e generi alimentari; cibo e prodotti per animali; forniture industriali e scientifiche; prodotti e apparecchiature per la salute; prodotti per la cura della casa come detersivi e saponi; prodotti per la cura della persona; prodotti per bambini, come ad esempio i libri. 


Per tutti i prodotti che rientrano in queste categorie è assicurata la spedizione in 24 ore o al massimo qualche giorno. Al termine della pandemia e quando ci sarà un allentamento delle norme di sicurezza, Amazon tornerà a vendere in prima persona anche gli altri prodotti, al momento assicurati solamente da alcuni venditori di terze parti, ma con una spedizione che nella maggior parte dei casi necessita di almeno 7-10 giorni.

Post a comment

0 Comments