Quanti Giga consuma Spotify - Come ridurre il consumo di dati

Ritorniamo a parlare di Spotify, in questo articolo vi sveleremo quanti giga consuma il servizio di streaming, e come fare per andare a ridurre il consumo dei dati.

Come tutte le app di streaming, anche Spotify , richiede una buona connessione internet e un consumo di dati abbastanza elevato per ascoltare la musica. 

È senza dubbio una delle migliori app per ascoltare musica online e parte del suo successo è che ci offre anche molti servizi per ridurre l'elevato consumo di dati.

Ma prima di continuare vediamo quanto consuma realmente l'applicazione 

Quanti Giga consuma Spotify al mese?

Il traffico dati mensile consumato da Spotify dipende dalla qualità audio scelta dall’utente:

Qualità 96 kbps: 1,34 GB in un mese

Qualità 160 kpbs: 2,23 GB in un mese

Qualità 320 kbps: 4,46 GB in un mese

Questa stima di consumo mensile nasce da alcuni test che hanno permesso di conoscere il consumo medio di Megabyte al minuto da parte dell’app di streaming svedese:

Qualità 96 kbps - 0.72 MB al minuto

Qualità 160 kbps - 1.2 MB al minuto

Qualità 320 kbps - 2.4 MB al minuto

Di seguito esaminiamo diverse impostazioni consigliate per Spotify per consumare meno dati , sia per gli utenti con account gratuiti che per gli utenti di Spotify Premium.

Come impostare Spotify per consumare meno dati

Si consiglia sempre di utilizzare Spotify mentre si è connessi a una rete Wi-Fi. Ma se siamo per strada o lontani da qualsiasi rete wireless, non abbiamo altra scelta che utilizzare i dati mobili del nostro smartphone.

In questo caso, è meglio accedere al menu di configurazione di Spotify per modificare alcune impostazioni.

.

Ecco la procedura  da eseguire per il piano gratuito.

Se disponiamo di un account Spotify gratuito, il numero di azioni che possiamo intraprendere per migliorare il consumo di dati è un po' più limitato, anche se ci sono alcune cose che possiamo ottimizzare.

Apri l'app di Spotify e vai su “Start -> Impostazioni” (clicca prima sul pulsante a forma di casa che compare in alto, e poi sull'icona a forma di ingranaggio che vedrai nell'angolo in alto a destra dello schermo).

Nella sezione “ Salvataggio dati ” attivare il tab “ scheda “ Qualità audio ” . Questo imposta la qualità audio su "bassa" (equivalente a 24 kbit/s) e fa sì che Spotify visualizzi meno immagini sullo schermo .

Nella sezione “ Video Podcast ”, attiva le 2 opzioni disponibili. In questo modo i podcast video riprodurranno solo l'audio, il che è un enorme risparmio di dati. Inoltre, se vogliamo salvare un podcast, verrà scaricata solo la traccia audio.

Ecco la procedura  da eseguire per il piano premium

Per quegli utenti che hanno un account Spotify Premium, possono applicare una configurazione molto interessante che consiste in quanto segue:

Apri l'app Spotify e vai su "Start -> Impostazioni" (icona a forma di ingranaggio che vedrai nell'angolo in alto a destra della schermata iniziale).

Scorri verso il basso fino a individuare la sezione "Qualità audio".

Attiva la scheda “ scheda “ Regola automaticamente la qualità ” .

Nella sezione “Download”, scegli la qualità “ Altissima ".

Infine, disabilita l'opzione " Scarica su rete mobile " .

In questo modo otteniamo due cose. Da un lato, Spotify Premium ti consente di scaricare brani per ascoltarli offline. Pertanto, con questa configurazione l'app scaricherà tutti i brani nella massima qualità possibile (320 kbit/s), ma solo quando siamo collegati a una rete Wi-Fi .

.

Allo stesso modo, abbiamo anche impostato la qualità dell'audio in modo che si regoli automaticamente. Pertanto, quando non siamo connessi al Wi-Fi, i brani che non abbiamo scaricato in precedenza verranno riprodotti con una qualità inferiore e il consumo di dati sarà ridotto.

In questo modo eviteremo anche problemi con il buffer e che i brani vengano interrotti o interrotti durante la riproduzione. 

Tecnolovez

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati, solo dopo esser stati verificati dagli amministratori.

Nuova Vecchia