Breaking

giovedì, ottobre 31, 2019

ottobre 31, 2019

OpenLoad e Streamango Hanno Chiuso - Duro colpo alla pirateria online

Duro colpo alla pirateria online , da poche ore sono stati chiusi OpenLoad e Streamango i due grandi siti di file hosting su Internet, hanno praticamente accettato di chiudere il suo servizio di hosting online che permetteva la visione di contenuti video in streaming

Openload.co e diversi domini correlati, tra cui Streamango, non sono più raggiungibili e conferma che sono stati rilevati dalla coalizione antipirateria globale ACE. Con milioni di visitatori regolari, il sito di file hosting Openload genera più traffico rispetto ai servizi di streaming più diffusi come Hulu o HBO Go. Mentre il sito ha molti usi legali, è anche una spina nel fianco di molti detentori del copyright, a causa della frequente comparsa di contenuti piratati. Questo stigma dei pirati ha recentemente portato a una menzione nell'elenco dei " Notorious Markets " del governo degli Stati Uniti . 



Milioni dli utenti regolari del sito sono accolti da una sorpresa piuttosto spiacevole. Invece della solita interfaccia, che consente loro di accedere agli ultimi video, vedono un messaggio dall'alleanza globale antipirateria ACE. "Il sito Web non è più disponibile a causa di violazione del copyright. Verrai reindirizzato su alliance4creativity.com ", si legge. 

Di conseguenza, anche molti domini Openload correlati come oload.cc, oload.club e oload.download, openload.pw e oloadcdn.net sono ora offline. Lo stesso vale per Streamango.com , che si credeva già da tempo collegato a Openload. Streamcherry.com mostra anche lo stesso avviso sul copyright ACE, sebbene ACE non abbia confermato che questo dominio è parte dell'accordo.  


Secondo ACE, l'arresto è una vittoria importante. “Prima di questa azione ACE, Openload e Streamango erano enormi equipaggiamenti per la pirateria. Openload da solo aveva più di 1.000 server in Romania, Francia e Germania e generava più traffico di molte fonti principali di contenuti legali ”, scrive ACE. Con milioni di visitatori giornalieri, i reindirizzamenti stanno causando problemi anche al sito Web ACE , che rallenta e restituisce errori regolarmente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE  Openload Chiuso? L'alternativa è mIRC per scaricare qualsiasi file in modo facile e veloce
ottobre 31, 2019

Whatsapp Locked - E' arrivata finalmente lo sblocco con l'impronta digitale

Ritorniamo a parlare di whatsapp , dopo tanta attesa è finalmente disponibile l'autenticazione con impronta digitale 



La notizia è stata diffusa attraverso un post sul blog ufficiale, dove si spiega che la nuova funzionalità è resa disponibile con l'ultimo aggiornamento della famosa app di messaggistica:



 "Quest’anno abbiamo lanciato Touch ID e Face ID per iPhone per offrire un livello di sicurezza in più agli utenti WhatsApp. Oggi ti presentiamo un sistema di autenticazione simile, che consente di sbloccare l’applicazione con la propria impronta digitale sui telefoni Android supportati. Per attivare questa funzione, tocca Impostazioni > Account > Privacy > Blocco con impronta digitale. Attiva Sblocca con impronta digitale e conferma con la tua impronta digitale".
La nuova funzionalità - che era stata resa disponibile già da alcuni mesi per WhatsApp Beta per Android e per iOS - permette di aggiungere un ulteriore livello di sicurezza alla privacy delle conversazioni, che potranno essere sbloccate solo utilizzando le proprie impronte digitali. Insomma, una misura di protezione aggiuntiva rispetto al blocco impostato normalmente sullo smartphone, che si attiva solo quando si apre l'app di messaggistica.

Per evitare che lo schermo si blocchi ogni volta che si accede all'applicazione inoltre, gli utenti potranno impostare un timer di attivazione per il blocco con l'impronta, che comunque non blocca le chiamate WhatsApp in entrata.
ottobre 31, 2019

Driver GeForce Game Ready 441.08 - Disponibile il download

Nelle ultime ore sono stati rilasciati i nuovi dei driver Game Ready, componente indispensabile per sfruttare al meglio le GPU discrete della linea GeForce. 

Come era già emerso nei giorni scorsi, insomma, i nuovi Driver GeForce Game Ready 441.08 implementano il supporto al post-processing avanzato di ReShade: ora gli utenti avranno a disposizione centinaia di filtri grafici, da usare in concerto con il tool GeForce Experience per trasformare l’esperienza videoludica nel modo che più preferiscono. Il supporto a ReShade è limitato nei giochi “competitivi”, e non è certo l’unica novità di peso dei driver Game Ready 441.08: la release aggiunge il supporto alla scheda GeForce GTX 1660 Super, che fa il suo debutto sul mercato in contemporanea con i nuovi driver, e a 7 nuovi monitor compatibili G-Sync. 



I Driver GeForce Game Ready 441.08 integrano poi nuovi opzioni per migliorare la qualità delle immagini dal Pannello di Controllo NVIDIA, e il supporto alla modalità Ultra Low Latency sui monitor G-Sync. I nuovi driver non includono infine alcun bugfix pubblicamente annunciato da NVIDIA.
Cosa aspetti scarica i drivere GeForce Game Ready direttamente dal sito ufficiale tramite questo link
ottobre 31, 2019

WhatsApp - Stop alle notifiche nelle chat silenziate

Novità importante per WhatsApp, almeno per chi possiede un dispositivo iOS (quindi un iPhone): chi ha silenziato le chat, sia singole che di gruppo, non avrà notifiche e non sarà dunque spinto a riaprire la app per controllarne i messaggi. 
La novità è stata introdotta nell'ultimo aggiornamento per la versione 2.19.110: la chat dunque non mostrerà più i badge di notifica quando si ricevono nuovi messaggi in una qualsiasi chat in modalità silenziosa. 



La novità riguarda esclusivamente la versione iOS, mentre su Android è già possibile selezionare e deselezionare la spunta "Mostra notifiche" quando si attiva la modalità silenziosa.​ Prima dell'aggiornamento, silenziare una o più chat determinava la disattivazione del suono e della vibrazione di notifica, mentre il contatore dei messaggi non letti continuava a funzionare.

mercoledì, ottobre 30, 2019

ottobre 30, 2019

Instagram Down - Gli Utenti non riescono a caricare foto e stories - ecco cosa sta succedendo

Instagram down, foto e stories non si caricano: problemi per il social network di proprietà di Facebook e della galassia di Mark Zuckerberg, che dalle 16 circa sta dando problemi di connessione in tutta Italia. 
Migliaia le segnalazioni, come si può notare sul sito downdetector, che monitora il funzionamento di operatori telefonici, app e social. Nel giro di pochi minuti su Twitter l'hashtag #instagramdown è diventato di tendenza. Inizialmente anche Facebook stava dando problemi e rallentamenti, ma in maniera molto più limitata rispetto a Instagram. Dall'azienda ancora nessun commento su quanto sta accadendo e sulle cause del manfunzionamento.
ottobre 30, 2019

Come usare Alexa su Android come assistente virtuale - Come si attiva e configura

Ritorniamo a parlare di Alexa l'assistente virtuale di Amazon , oggi vedremo come usarlo al meglio e come configurarlo.


Ma prima di proseguire cerchiamo di fare chiarezza su alexa , cos'e e come funziona? Alexa è l’intelligenza artificiale di Amazon. Si tratta di un’intelligenza artificiale che è possibile testare attraverso l’utilizzo dell’applicazione per Android e iOS ma che principalmente “vive” all’interno degli smart speaker. 

Si parla di smart speaker  quando si parla di speaker con funzionalità smart. In sostanza sono dei dispositivi pensati per ascoltare la musica  ma con all’interno un’intelligenza artificiale  , pronta a rispondere ad ogni vostra richiesta. Nel caso di Alexa troviamo questa intelligenza principalmente all’interno degli smart speaker di Amazon  


Come attivare Alexa


Una volta installata l’app di Alexa, bisognerà fare la configurazione.

Per configurare Alexa apri l’applicazione
Esegui il login con le credenziali del tuo account Amazon e premi su Accedi
Se non hai ancora un account Amazon seleziona la voce Crea un nuovo account, dopodiché attivalo via email e accedi all’app con il tuo indirizzo email o telefono e password
Tocca su Inizia
Nella schermata Aiuta Alexa a conoscerti seleziona il tuo profilo. In caso contrario, seleziona Sono qualcun altro
Quando ti viene richiesto, inserisci il tuo nome e i dati del cellulare
Tocca Continua per andare avanti
Tocca Consenti se desideri autorizzare Amazon a caricare i tuoi contatti. Se preferisci non fornire questo permesso tocca In seguito
Verifica il tuo numero di telefono se desideri inviare e ricevere chiamate e messaggi con Alexa. 

L’app ti invierà un SMS per confermare il tuo numero. Tocca Continua oppure Salta se non vuoi utilizzare questa funzione in questo momento.
Inserisci il codice di verifica a 6 cifre che hai ricevuto e tocca Continua.
Come personalizzare Alexa
Ora siamo pronti per personalizzare l’app di Amazon Alexa sullo smartphone, in modo da ottenere il meglio dall’assistente virtuale quando utilizziamo i comandi vocali.

Apri l’app di Alexa
Tocca Personalizza Alexa. Se non vedi questa opzione vai su Home, che si trova in basso)
Scegli il dispositivo su cui intendi personalizzare Alexa dall’elenco di device disponibili. In alternativa configura un nuovo dispositivo.
Seleziona le impostazioni preferite come regione, fuso orario e unità di misura.
Per usare i comandi vocali di Alexa sul tuo Android apri l’app, tocca l’icona di Alexa e su Consenti per autorizzare Alexa ad accedere al microfono. Per attivarla, dalle un comando o fai una domanda come “Alexa, che tempo fa oggi?” oppure “Alexa, trova il supermercato più vicino”.

Come controllare Amazon Echo dal telefono


Nel caso in cui il tuo Echo non riesca a sentirti o a riconoscere la tua voce puoi usare lo smartphone come telecomando per Amazon Echo per controllarlo da remoto, ad esempio per avviare la musica. Basta pronunciare i comandi al telefono per inviarli ad Amazon Echo e chiedergli di eseguire azioni specifiche utilizzando la funzione vocale dell’app.

Nota bene: non è possibile controllare tutto da remoto. Ad esempio non puoi impostare un timer o un allarme su Amazon Echo utilizzando le funzioni vocali dell’app.

Segui questi passaggi per controllare Amazon Echo da iPhone o dispositivo Android. 
Apri l’app Alexa sul telefono:

Tocca l’icona del microfono, rappresentata da un cerchietto azzurro
Consenti all’app di accedere al microfono del tuo dispositivo, se richiesto
Una volta che Alexa è pronta per ascoltare il tuo comando o la tua domanda lo schermo diventerà più scuro e una linea blu apparirà nella parte inferiore. Parla al tuo smartphone come se parlassi con il tuo smart speaker.
ottobre 30, 2019

Come rintracciare un cellulare tramite account Google

Ritorniamo a parlare di come rintracciare un cellulare smarrito o perso , oggi vedremo come è possibile localizzare un cellulare tramite il nostro account Google Se disponi di un cellulare a marchio Android, la procedura è semplice tutto quello che devi fare e seguire la guida sottostante



Prima di iniziare , vogliamo precisarvi che affinché il tutto funzioni correttamente, per rintracciare il telefono da localizzare deve essere configurato un account Google, di cui ricordi la password; il telefono deve essere acceso, collegato a Internet e con il GPS attivo; devono essere presenti i Google Play Services e il framework Google; infine, il sistema “Trova il mio dispositivo” deve essere stato preventivamente attivato.

Se lo smartphone di tuo interesse possiede tutti i requisiti, puoi localizzarlo agevolmente tramite l’account Google nel seguente modo: collegati al sito Internet di Trova il mio dispositivo tramite un browser per computer, digita l’indirizzo Gmail del telefono che intendi localizzare, premi il pulsante Avanti e ripeti l’operazione inserendo, nel modulo successivo, la password d’accesso all’account. 

Quindi proseguiamo , se tutto è filato liscio, dopo alcuni istanti, dovresti visualizzare una mappa contenente la posizione esatta del terminale che stai cercando di localizzare (oppure l’ultima posizione nota, qualora questo sia spento o non collegato a Internet); contestualmente, in questa fase, dovrebbe essere visualizzata la notifica relativa alla localizzazione anche sul display dello smartphone coinvolto. Qualora, nello stesso account, fossero associati più dispositivi, puoi scegliere quello da localizzare premendo su una delle miniature (a forma di smartphone o tablet) situate nell’angolo in alto a sinistra della schermata; in caso di bisogno, puoi utilizzare la schermata di “Trova il mio dispositivo” per far squillare il telefono, bloccarlo (con la possibilità di mostrare un messaggio a chi dovesse recuperarlo) oppure resettarlo completamente (perdendo, in questo caso, la possibilità di rintracciarlo di nuovo). Ad ogni modo, una volta ottenuta l’informazione di tuo interesse, puoi chiudere la finestra del browser. Se non hai a disposizione un computer e hai necessità di ritrovare il telefono tramite l’account Gmail a esso associato, puoi utilizzare l’app Trova il mio dispositivo di Google: dopo averla installata su un altro device Android e averla aperta, tocca il pulsante per Accedere come ospite e immetti le credenziali d’accesso del profilo Google associato al telefono da localizzare.
ottobre 30, 2019

WhatsApp - Trucco per scoprire con chi chattiamo maggiormente

Ritorniamo a parlare di whatsapp , oggi vogliamo svelarvi un piccolo trucchetto che ci consente di scoprire Con chi chattiamo maggiormente su WhatsApp Chi sono le persone con cui condividiamo la maggior parte del nostro tempo? 



A tutte queste domande possiamo rispondere controllando una semplice impostazione di WhatsApp. Si tratta di un trucco che in pochi conoscono, ma che si rivela molto utile per avere un’idea più chiara del tempo che passiamo sull’applicazione. Per scoprire con chi parliamo di più su WhatsApp dobbiamo accedere al nostro profilo, premere su Impostazioni, poi su “Utilizzo dati e archiviazione” e infine su “Utilizzo dati“. 



Si aprirà una schermata con una lista di tutti gli utenti con cui abbiamo scambiato più immagini, video e contenuti testuali. Questa “classifica” ci fa capire abbastanza chiaramente con quali persone conversiamo di più su WhatsApp durante la giornata. La “classifica” potrebbe essere falsata dall’invio di qualche video in alta risoluzione a qualche famigliare, ma in linea di massima è abbastanza veritiera. La procedura è identica sia su Android sia su iOS.

martedì, ottobre 29, 2019

ottobre 29, 2019

Windows 10x - Ecco tutte le caratteristiche e i dispositivi supportati dal nuovo sistema operativo

Ritorniamo a parlare di Windows 10x , in questo articolo raccoglieremo tutte le caratteristiche e i dispositivi supportati dal nuovo sistema operativo Nelle ultime ore Microsoft ha svelato alcune delle specifiche del nuovo sistema operativo pensato per dispositivi "ibridi". 

Windows 10X sarà il prossimo sistema operativo di Microsoft per il Surface Neo e per altri device, forse molti più di quanto inizialmente si potesse pensare. Secondo le ultime indiscrezioni la versione X di Windows 10 sarà un bel po’ diversa rispetto a quella classica. Microsoft, infatti, si è lasciata sfuggire un documento interno in cui si descrivono alcune delle caratteristiche del prossimo Windows 10X, soprattutto per quanto riguarda l’interfaccia utente. Che, da quel che si legge nel documento trapelato in rete, sarà molto più semplice e intuitiva di quella del normale Windows 10. D’altronde il nuovo Surface Neo, in arrivo nel 2020, è stato annunciato come un device rivoluzionario, che richiederà una interfaccia dedicata a causa della complessità dei suoi due schermi che si chiudono a conchiglia, la tastiera a scomparsa e il touch screen virtuale. 

Windows 10X: non solo sul Surface Neo Ma non sarà solo il Surface Neo a poter usare Windows 10X: dal documento leggiamo infatti che potrebbe essere adottato anche su molti dispositivi a schermo touch doppio (sia foldable che a conchiglia), anche meno complessi del Neo, ma anche su alcuni laptop. Purtroppo, il documento interno di Microsoft non aggiunge molto altro. 


Windows 10X: addio Menu Start Alcune parti di Windows 10X sono molto diverse rispetto alle equivalenti di Windows 10 classico. Il menu Start, ad esempio, viene trasformato in “Launcher“, ed è molto più simile ad un tasto Home di uno smartphone che al vecchio menu. Sarà anche molto incentrato sulla ricerca: dal Launcher sarà possibile cercare app e file sia all’interno del dispositivo che all’esterno, su Internet. Ci saranno poi dei contenuti raccomandati aggiornati dinamicamente in base all’utilizzo che l’utente fa del dispositivo.

Windows 10X: l’Action Center e il nuovo File Manager I file, inoltre, potranno essere gestiti tramite un “Modern File Manager“ che, a quanto pare, punterà tutto sulla comodità di navigazione all’interno delle cartelle. Ci sarà poi un Action Center per le notifiche delle app semplificato e pulito, che renderà possibile cambiare al volo le impostazioni principali e le più usate. 


Windows 10X: nuovo riconoscimento facciale Windows 10X migliorerà anche il riconoscimento facciale di Windows Hello: “Quando lo schermo si accende, si viene immediatamente portati alla schermata di autenticazione – spiega il documento interno di Microsoft – Al risveglio del dispositivo, Windows Hello Face riconosce immediatamente l’utente e passerà immediatamente al desktop“
ottobre 29, 2019

Smart TV Samsung - Ecco come entrare nel menù nascosto dei televisori samsung

Ritorniamo a parlare di smart tv samsung , oggi vedremo come entrare nel menù segreto dei televisori samsung. Non tutti lo sanno ma la maggior parte dei TV samsung hanno un menu segreto per gli operatori del servizio assistenza dove ci sono tante opzioni.



Prima di proseguire ci teniamo a precisare che ogni procedura esposta è stata eseguita con successo. Ciò non toglie che in caso errato di qualche comando si possa bloccare la TV se fatte in maniera erronea o su TV di modelli diversi. 

Tecnolovez si ritiene estranea da ogni tipo di colpa in caso di problemi avvenuti dopo o durante la procedura descritta. La guida è a pure scopo illustrativo


Ecco come entrare nel menù nascosto dei televisori samsung
I metodi per accedere al service menu sono diversi. Di seguito i passaggi possibili
metodo 01: da spento in sequenza INFO>MENU>MUTE>POWER;
metodo 02: assicurarsi che il dispositivo sia spento e poi premere da telecomando MUTE>1>8>2>POWER;
metodo 03: con il tv in standby premere MUTE>1>1>9>ENTER;
metodo 04: con il tv in standby premere SLEEP>PSTD>MUTE>POWER da telecomando;
metodo 05: con il tv in standby premere DISPLAY>MENU>MUTE>POWER;

Oltre al service menu nascosto è possibile regolare i seguenti paramenti, premendo le sequenze di comandi sotto indicate:

.
ripristinare il PIN del televisore: Da dispositivo spento premenre MUTE>8>2>4POWER;
ripristinare le impostazioni di fabbrica: premere EXIT per 10 secondi consecutivi. In questo caso sarà necessario, successivamente, disintonizzare tutti i canali;
informazioni sul segnale: tenere premuto il tasto INFO per 10 secondi
Ci teniamo a precisare che effettuare tali modiche potrebbe creare problemi ed in alcuni casi potrebbe addirittura bloccarsi senza più accendersi .

Quindi il nostro consiglio è di modificare solo ed esclusivamente i valori di cui siete certi, senza cercare di improvvisarsi tecnici audio e video con il rischio di danneggiare il televisore.
ottobre 29, 2019

Tixati – Client BitTorrent per scaricare e condividere i file su PC

Ritorniamo a palare di programmi , oggi vogliamo segnalarvi Tixati un'ottima programma client BitTorrent gratuito per PC che consente di scaricare e condividere file in rete,



Tixati è davverso semplice e potente ,ed uno dei suoi punti di forza senza dubbio è la semplicità nell'utlizzo e la sua interfaccia grafica e a 
differenza di altri client consuma davvero poche risorse hardware ma fornisce un gran numero di funzionalità avanzate per la gestione dei trasferimenti di rete. 


Tixati promette un’esperienza di condivisione P2P sul network di BitTorrent a dir poco gradevole e funzionale grazie ai suoi algoritmi di download “ultra-veloci”, il pieno supporto a DHT, PEX e link Magnet, una selezione dei peer “super-efficiente”. Tixati non richiede componenti o framework aggiuntivi per essere installato (su Windows) e permette di gestire o visualizzare il consumo della banda di rete in maniera dettagliata, di usare funzionalità avanzate come i feed RSS, il filtraggio degli IP o le operazioni pianificate e altro ancora.

Cosa aspetti scarica Tixati direttamente dal sito ufficiale tramite questo link
ottobre 29, 2019

Mind Mapping 3D - Applicazione per creare per mappe mentali tridimensionali

Ritorniamo a parlare di applicazioni , oggi vogliamo segnalarvi Mind Mapping 3D un'ottima applicazione disponibile sia per dispositivi ios che android che consente di creare facilmente mappe mentali tridimensionali. 



Grazie a Mind Mapping 3D è quindi possibile realizzare mappe mentali 3D senza limiti di spazio e di fantasia in modo semplice ed intuitivo. L’applicazione a differenza di altre di questo genere, offre anche alcune caratteristiche decisamente interessanti come la possibilità di esportare le mappe in un documento di Word online (tramite immagini PNG), 
proiettarle come presentazione su uno schermo utilizzando Chromecast, importare ed effettuare un backup su Google Drive. 


Vogliamo precisarvi che l'applicazione è completamente gratuita ma offre anche una versione premium a pagamento con caratteristiche aggiuntive come la possibilità di creare nodi con immagini, la colorazione e gli sfondi personalizzati della mappa e molto altro ancora.

Cosa aspetti scarica Mind Mapping 3d dal tuo store tramite i badge sottostanti



Badge-Google-Play   Badge-Apple-Store



ottobre 29, 2019

Facebook Preventive Health - Nuova funzione per consentire agli utenti di prendersi cura della propria salute

Ritorniamo a parlare di facebook , nelle ultime ore il colosso americano ha annunciato il lancio negli Stati Uniti di Preventive Health, ovvero un programma che consente agli utenti di prendersi cura della propria salute ed avere a disposizione vari strumenti per prevenire alcune delle principali malattie.



In parole povere si tratta di un sistema che consenta alle persone di trovare luoghi ove è possibile ricevere assistenza, impostare promemoria per pianificare i test, contrassegnare quando i test sono stati completati e avere informazioni, dedicando particolare attenzione all’aspetto della prevenzione. 





Gli utenti potranno cercare Preventive Health nell’app mobile di Facebook e scoprire quali controlli sono raccomandati da queste organizzazioni sanitarie in base all’età e al sesso ( per esempio i test del colesterolo o le mammografie) mentre i promemoria per i vaccini antinfluenzali saranno visualizzati nel momento opportuno dell’anno. Per la questione " privacy" facebook ha precisato che i risultati dei test non saranno disponibili per tali associazioni sanitarie né saranno condivisi con terzi.

lunedì, ottobre 28, 2019

ottobre 28, 2019

TIM Fatturazione a 28 Giorni - Ecco come richiedere il rimborso

TIM ha ufficializzato la possibilità di chiedere il rimborso in bolletta per la fatturazione a 28 giorni: ecco come fare Buone notizie per i clienti TIM attivi da prima del 31 marzo 2018 e che sono stati oggetto della fatturazione a 28 giorni: chiamando il servizio clienti 187 è possibile chiedere gratuitamente il ristoro dei giorni pagati in più. 



La comunicazione arriva direttamente da TIM che ha pubblicato sul proprio sito internet le modalità d’accesso per ottenere il rimborso. TIM fa seguito alla delibera dell’AGCOM n. 269/18/CONS che obbliga le compagnie telefoniche protagoniste della fatturazione a 28 giorni a risarcire i propri clienti. Una querelle giudiziaria che è durata più di un anno, ma che alla fine ha visto vincitore il Garante per la Comunicazione davanti al Consiglio di Stato. Gli operatori telefonici sono stati costretti a rimborsare i propri clienti, fornendo loro due possibilità: il ristoro in bolletta, oppure l’attivazione gratuita di servizi premium. TIM è stata tra le prime a fornire la seconda possibilità, offrendo diverse soluzioni ai propri clienti. Tutti coloro che non hanno voluto attivare servizi premium, possono ora richiedere il rimborso direttamente in bolletta e che permetterà di stornare i soldi pagati in più.
TIM, come chiedere il rimborso della fatturazione a 28 giorni

Da settembre 2019 i clienti TIM attivi prima del 31 marzo 2018 e che sono stati vittime delle bollette a 28 giorni possono richiedere il ristoro chiamando semplicemente il Servizio clienti rete fissa 187. Basta spiegare all’operatore la propria situazione e il rimborso partirà in automatico. Il ristoro dovrebbe avvenire tramite la posticipazione della data di decorrenza della fattura. Se ad esempio il rimborso prevede l’utilizzo della linea gratis per 10 giorni, l’emissione della bolletta TIM avverrà con 10 giorni di ritardo.

L’operatore telefonico informa anche che da novembre sarà disponibile un modulo nella propria area personale My TIM, per richiedere il ristoro direttamente online.

Il rimborso vale anche per gli ex clienti TIM che abbiano cessato di usufruire del servizio di rete fissa di TIM successivamente alla data del 23 giugno 2017. Per avere maggiori informazioni sulle modalità di rimborso è necessario chiamare il Servizio Clienti rete fisas 187.

TIM, il piano compensativo per la fatturazione a 28 giorni
A giugno TIM ha lanciato anche il piano compensativo per le bollette a 28 giorni. Chi lo accetta perde la possibilità di ottenere il rimborso monetario. La proposta compensativa di TIM prevede l’attivazione gratuita per sei mesi di un servizio premium tra quelli elencati:

TIM Vision – La TV di TIM con tanti contenuti a disposizione.
Chi è – Per visualizzare il numero di chi chiama sul display del telefono di casa.
Extra Voice – Per chiamare senza limiti i telefoni nazionali fissi e mobili
Voce internazionale – Per chiamare senza limiti i telefoni fissi di Stati Uniti, Canada ed Europa occidentale.
Max Speed – Per sfruttare al massimo la connessione Internet e navigare fino a 100 Mbit/s.
ottobre 28, 2019

Inno Setup - Software per creare un programma di installazione personalizzato

Ritorniamo a parlare di programmi gratuiti ed utility , oggi vogliamo segnalarvi Inno Setup è un tool specializzato nella creazione di nuovi “installer”, ovvero uno strumento gratuito che include tutto il necessario per configurare a puntino il nostro programma di installazione personalizzato.

Come avete capito , stiamo parlando di un programma dedicato prevalentemente agli sviluppatori Inno Setup rappresenta un download obbligato nel caso si avesse la necessità di creare un installer personalizzato con cui copiare file e modificare lo stato del sistema. 


Uno strumento che per di più è assolutamente a costo zero, anzi meglio: è open source. Inno Setup garantisce il supporto per qualsiasi versione di Windows, permette di creare programmi di installazione per software a 32 e 64-bit, di modificare il tipo di installazione (minima, completa o personalizzata), di usare diversi metodi di compressione, di modificare il Registro o i file .ini, di proteggere gli installer (e gli uninstaller) tramite algoritmi crittografici e molto altro ancora.


Cosa aspetti scarica Inno Setup direttamente dal sito ufficiale tramite questo link
ottobre 28, 2019

Come usare e inviare Memoji per iPhone su WhatsApp dal tuo smartphone Android

Ritorniamo a parlare di whatsapp , oggi vedremo come usare e inviare Memoji per iPhone su WhatsApp dal tuo smartphone Android

Anche se può sembrare impossibile, è davvero possibile utilizzare e inviare Memoji per iPhone su WhatsApp dal tuo smartphone Android. 


Prima di iniziare, sappi che avrai bisogno di un amico o un conoscente che utilizza un iPhone su iOS 13. Quindi chiedigli di creare un Memoji che ti somigli (o un Memoji a tuo piacimento). Quindi dal suo iPhone, segui questi passaggi:

Apri WhatsApp su iPhone e crea una discussione con te
Premere il campo di immissione del testo
Fai clic sull’icona Emoji sulla tastiera e fai clic sui tre punti – “…”
Quindi selezionare i Memoji desiderati e inviarli
Riprendi il tuo smartphone Android e segui questi passaggi:

Fai clic su ciascun adesivo e salvalo selezionando Aggiungi a Preferiti
I memoji vengono quindi salvati negli adesivi di WhatsApp
Per inviare il tuo Memoji a uno dei tuoi amici, accedi ai tuoi adesivi WhatsApp

domenica, ottobre 27, 2019

ottobre 27, 2019

GCam 7 con la Modalità Astrofotografia disponibile al download per Xiaomi, Redmi e Pocophone

Ritorniamo a parlare di GCam , grazie ad un gruppo di modders è disponibile online la nuova Gcam 7 per Xiaomi, Redmi e Pocophone,  di seguito trovate elencati i modelli su cui è possibile installarla con i relativi link al download dell’APK da installare sul vostro terminale.






  • San1ty Mod Pocophone F1
  • Parrot043 Mod Redmi K20, Redmi K20 Pro
  • Parrot043 Mod Redmi Note 5 Pro, Redmi Note 6 Pro, Redmi Note 7, Redmi Note 7 Pro, Redmi Note 7S, Xiaomi Mi A3, Xiaomi Mi A2



Una delle novità introdotte è la modalità astrofotografia, in questo articolo vedremo come configurare l'applicazione per sfruttare questa nuova funzione ma prima di procedere con l’installazione della nuova Google Camera, qualora aveste già installata una versione precedente dovrete necessariamente disinstallarla. 
Ecco la procedura da esguire per installare la GCam 7 con la Modalità astrofotografia
  • Aprite l’app: in alto trovate una freccia che indica il basso. Cliccateci sopra ed accedete alle Impostazioni tramite l’icona a forma d’ingranaggio che si forma nella parte bassa del menù;
  • Ora scorrete fino in fondo e cliccate sulla voce ABOUT MODIFICATION.
  • Dal nuovo menù andate nelle impostazioni sviluppatore (DEVELOPER SETTINGS);
  • Da qua abilitate le seguenti voci:
      • camera.cuttle.darken
      • camera.cuttle.extended
      • camera.cuttle.extended_iterable_burst
  • Andate nella home dell’app e selezionate la modalità Night Sight;
  • Fate swipe in giù per le impostazioni e selezionate Focus to Infinity e Timer to 3;
  • Per far partire la modalità astro dovrete avvalervi di strumenti come un treppiede oppure poggiare lo smartphone su un piano fisso, insomma il device dovrà essere completamente immobile, in caso contrario scatterà solo in modalità Night Sight;
  • Nel caso parta, sarà necessario anche più di un minuto per realizzare e completare la foto.
ottobre 27, 2019

Vodafone - Lista aggiornata di tutti gli smartphone compatibili con il suo VoLTE

Ritorniamo a parlare del VoLTE e di telefonia ,da poche ore anche la vodafone ha aggiornato la lista di smartphone compatibili con il suo VoLTE, anche chiamato Power Voice e Voce 4G, che permette di effettuare chiamate in alta definizione attraverso la rete 4G
vodafone
 In questo momento gli smartphone compatibili col VoLTE di Vodafone sono i seguenti

  • Apple: iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6S, iPhone 6S Plus, iPhone 7, iPhone 7 Plus, iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone SE, iPhone X, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max;
  • Samsung: A3 2016, A3 2016 DUOS, A3 2017, A3 2017 DUOS, A5 2016, A5 2016 DUOS, A5 2017 DUOS, A5 2017, A8 2018, A8 DUOS 2018, Galaxy Fold, Galaxy Note 8, Galaxy Note 8 DUOS, Galaxy Note 9, Galaxy Note 10, Galaxy Note 10+, Galaxy Note 10+ 5G, Galaxy A6 PLUS, Galaxy A7, Galaxy A7 Dual Sim, Galaxy A9, Galaxy A10, Galaxy A20e, Galaxy A40, Galaxy A50, Galaxy A70, Galaxy A80, Galaxy A90 5G, Galaxy J4+, Galaxy J6+, Galaxy S6 Plus, Galaxy S8, Galaxy S8 DUOS, Galaxy S8 Plus, Galaxy S8 Plus Duos, Galaxy S9, Galaxy S9 DUOS, Galaxy S9+, Galaxy S9+ DUOS, Galaxy S10, Galaxy S10+, Galaxy S10 Edge, Galaxy S10 5G, GS5, GS6, GS6 Edge, GS7, GS7 Duos, GS7 Edge, GS7 Edge DUOS, J3 2016, J3 2017, J3 2017 DUOS, J5, J5 2016, J5 2016 DUOS, J5 2017, J5 2017 DUOS, J7 2016, J7 2017, J7 2017 DUOS, Xcover 4;
  • Huawei: Y5 2018, GX8, Mate 10 Lite, Mate 10 Pro, Mate 20, Mate 20 Lite, Mate 20 Lite Dual SIM, Mate 20 Pro, Mate 20 X 5G, Mate 20 Pro Dual Sim, Mate S, Nova, Nova 5T, P Smart 2018, P Smart 2019, P Smart Z, P10, P10 Lite, P10 Plus, P20, P20 lite, P20 Pro, P8, P8 Lite, P8 Lite 2017, P9, P9 Lite, P9 Plus, P20 Lite Dual Sim, P30, P30 Pro, P30 Lite, Y5 2019, Y6 2017 Nova Young SM, Y6 2018 e Y6 2019;
  • LG: G5, G3, G4, G5 SE, G6, G7, G7 fit, G8S, K30, K50, K40, K11, K10, K10 2018, K8, K4 2017, K5, K9, Q6, Q7, V30, V50 ThinQ;
  • Vodafone: Smart E8, Smart E9, Smart N8, Smart N9 lite, Smart N9, Smart N10, Smart Platinum 7, Smart Prime 6, Smart Prime 7, Smart Speed 6, Smart Turbo 7, Smart Ultra 6, Smart Ultra 7, Smart V8 e Smart V10;
  • ASUS: ROG Phone, Zenfone 4, Zenfone 4 Max, Zenfone 4 Pro e Zenfone Selfie;
  • Xiaomi: Mi Mix 3, Mi Mix 3 5G, Mi 9 Lite, Mi 9, Redmi Go e Redmi 7;
  • Microsoft e Nokia: Lumia 550, Lumia 650, Lumia 950 e Lumia 950 XL; Nokia 1, Nokia 2, Nokia 3, Nokia 7.1, Nokia 8 e Nokia 4.2;
  • HONOR e Doro: Doro 8040; HONOR 8S e 20 Lite.
ottobre 27, 2019

Codici segreti Iliad - Ecco cosa sono e come utilizzarli

Ritorniamo a parlare di Iliad , non tutti sono al corrente che per attivare delle funzionalità speciali o per modificare alcune impostazioni della segreteria è necessario conoscere alcuni codici segreti

Né nell’app né nell’area personale è possibile disattivare la segreteria telefonica, oppure prolungare il tempo d’attesa prima del trasferimento della chiamata alla segreteria telefonica.  Per farlo bisogna conoscere dei codici segreti. Ecco quali sono e come utilizzarli.



##002#. Partiamo dal codice più semplice e allo stesso tempo più importante. Digitando ##002# sullo smartphone, la segreteria telefonica verrà disattivata per sempre.
**62*+393518995012#. Se abbiamo eliminato la segreteria telefonica, chiamando questo numero la riattiveremo nuovamente.
##21#. Con questo codice eliminiamo il trasferimento di chiamata alla segreteria telefonica in caso di chiamate in entrata
##67#. Se stiamo effettuando una chiamata e vogliamo disattivare al segreteria telefonica, basta digitare il codice ##67#
**61*+39xxxxxxx*10*#. Codice un po’ complesso, ma molto utile sotto diversi punti di vista. Solitamente la segreteria telefonica Iliad parte in automatico dopo il quarto squillo. Per aumentare il tempo di attesa prima dell’attivazione della segreteria telefonica è necessario digitare **61*+39 seguito dal proprio numero di telefono. Alla fine bisogna mettere *10*#, dove 10 indica gli squilli dopo i quali attivare la segreteria. Si può mettere un qualsiasi numero: 10, 8, 15.
ottobre 27, 2019

Codici segreti Iliad

Ritorniamo a parlare di windows 10 , oggi vedremo come impostare la dark mode ovvero la modalità scura sul nostro sistema operativo. 


Come%2Brimuovere%2Ble%2BApp%2Bdi%2Bsistema%2Bpreinstallate

Ci teniamo a precisare prima di continuare che non è un procedimento facilissimo e bisogna seguire bene le istruzioni elencate nella guida sottostante , senza saltare alcun passaggio: dovremo infatti creare una routine di accensione e spegnimento del dark mode ad orari ben precisi. Tale modalità scura si attiverà sia per l’interfaccia del sistema operativo che per le app in esecuzione. Tutto questo non è decisamente comodo, ma per fortuna esiste anche un modo più semplice e veloce per attivare la modalità scura su Windows 10.


Come attivare la modalità notte su Windows 10 con l’Unità di Pianificazione

La procedura per attivare automaticamente il dark mode su Windows 10 consiste nel pianificare l’attivazione della modalità chiara in un’orario prestabilito (ad esempio dalle 8:oo alle 20:00) per poi attivare la modalità scura nelle restanti ore della giornata. Dopo aver aperto il menu Start e aver cercato “Utilità di Pianificazione“, clicchiamo sull’icona di questa utility per lanciarla. Nella parte destra della finestra facciamo click destro su “Libreria Utilità di Pianificazione” e poi su “Nuova cartella” (e diamo un nome a questa cartella). Poi facciamo click destro su “La mia attività” e scegliamo “Crea attività“. Si aprirà la finestra per creare da zero un task di Windwos. Dalla tab “Generale” diamo un nome a questo task, ad esempio “Attiva Dark Mode” o “Dark Mode On” e così via. La scelta del nome non influisce sul risultato. Tra le opzioni scegliamo “Esegui indipendentemente dalla connessione degli utenti” e poi “Non memorizzare la password“. Dalla tab “Attivazione” clicchiamo invece su “Nuovo” e, nella finestra che compare a questo punto, scegliamo dal menu a tendina “In base a una pianificazione“. Impostiamo la pianificazione su “Giornaliera” e poi scegliamo l’orario al quale verrà attivata la modalità chiara. Dopo aver cliccato su “Ok” passiamo alla tab “Azioni” e clicchiamo su “Nuova” e scegliamo “Avvia programma“. Nella casella “Impostazioni” scriviamo:

%SystemRoot%\system32\WindowsPowershell\v1.0\powershell.exe

Mentre nella casella “Aggiungi argomenti” scriviamo:

New-ItemProperty -Path HKCU:\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes\Personalize -Name SystemUsesLightTheme -Value 1 -Type Dword -Force;

New-ItemProperty -Path HKCU:\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes\Personalize -Name AppsUseLightTheme -Value 1 -Type Dword -Force

A questo punto facciamo click su “Ok” e poi su “Avvia appena possibile se un avvio pianificato non viene eseguito” e su “In caso di errore riavvia attività ogni” (1 minuti, ogni 3 tentativi di riavvio). Dopo aver premuto “Ok” avremo impostato l’attivazione della modalità chiara ogni giorno all’orario che preferiamo.




Per impostare la modalità scura dovremo ripetere la procedura, dando un altro nome al task che creeremo e cambiando il comando della PowerShell in:

New-ItemProperty -Path HKCU:\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes\Personalize -Name SystemUsesLightTheme -Value 0 -Type Dword -Force; New-ItemProperty -Path HKCU:\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Themes\Personalize -Name AppsUseLightTheme -Value 0 -Type Dword -Force